Istat: dal 2011 manovre per 182 miliardi, ma la crisi ne ha limitato gli effetti positivi

L’istituto di statistica: non sottovalutare la bassa inflazione. Adesso politiche per la crescita

Dal 2011 sono state varate manovre per un totale di 182 miliardi ma ”gli effetti sul miglioramento dei conti pubblici sono stati in gran parte limitati dal cattivo andamento dell’economia, che ha raffreddato in particolare la dinamica delle entrate”. Lo sottolinea l’Istat nel Rapporto annuale, riconoscendo che “la dimensione delle manovre fiscali attuate complessivamente in Italia dal 2010 è stata notevole (pari a -15 miliardi per il 2011, a -75 miliardi per il 2012 e a -92 miliardi per il 2013)”.

Secondo l’istituto di statistica “gli effetti sul miglioramento dei conti pubblici sono stati in gran parte limitati dal cattivo andamento dell’economia, che ha raffreddato in particolare la dinamica delle entrate”. “La dinamica delle spese, meno sensibili al ciclo economico rispetto alle entrate – conclude l’Istat – ha registrato andamenti coerenti con gli obiettivi risultando sostanzialmente stabile tra il 2010 e il 2013, in seguito alla riduzione soprattutto della spesa per il personale (-7,9 miliardi), degli investimenti fissi lordi (-6,6 miliardi) e dei consumi intermedi (-3,3 miliardi) e nonostante l’aumento della spesa per interessi”.

Durante la crisi l’aumento del rapporto debito/Pil in Italia e’ stato determinato principalmente dalla spesa per interessi e dalla bassa crescita economica, controbilanciando gli effetti delle manovre fiscali. Tra i paesi dell’Unione europea, gli interventi discrezionali hanno contribuito al contenimento della dinamica del rapporto debito/Pil solo in due casi: in Italia, dove le severe manovre di bilancio hanno favorito, nel periodo 2007-2012, una riduzione pari a 9,5 punti percentuali, e in Finlandia, per una riduzione di 6 punti percentuali”.

“Nei prossimi anni – continua il Rapporto dell’istituto di Statistica – un vincolo importante per le politiche fiscali e’ rappresentato dal pareggio del saldo strutturale di bilancio. Quest’ultimo e’ infatti molto piu’ stringente rispetto al limite del 3% sul rapporto deficit/Pil previsto dal Patto di stabilita’ e crescita. Il saldo strutturale e’ un indicatore non osservabile che viene calcolato sulla base di un altro indicatore stimato: il prodotto potenziale. A parita’ di altre condizioni, una stima piu’ elevata della crescita potenziale comporta un migliore saldo strutturale e richiede pertanto politiche fiscali meno severe. Le piu’ recenti stime del prodotto potenziale incorporano gli effetti della crisi, tanto da ipotizzare come conseguenza una consistente erosione della capacita’ produttiva nel nostro Paese”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email