Economia / Istat: nel 2013-2014 in crescita gli investimenti italiani all’estero

Per i nostri connazionali 21. 830 controllate in 160 paesi nel 2012. Romania, Cina e Sri Lanka i preferiti del Made in Italy

investimenti-esteroNel biennio 2013-2014 si conferma la tendenza verso una crescente internazionalizzazione del sistema produttivo italiano, trainata dai principali gruppi multinazionali e più accentuata nei servizi (il 63,5% ha detto di avere realizzato o programmato nuovi investimenti all’estero) che nell’industria (54,1%). Emerge da un rapporto dell’Istat, secondo cui al 2012 la presenza delle multinazionali italiane all’estero è rappresentata da 21.830 controllate in 160 paesi con oltre 1,7 milioni di addetti e un fatturato di 546 miliardi.

La motivazione prevalente alla base dei nuovi investimenti all’estero nel periodo 2013-2014 è la possibilità di accedere a nuovi mercati. Lo dichiara l’85,7% dei gruppi multinazionali italiani dell’industria e l’82,1% dei servizi. Dall’indagine Istat emerge che i gruppi industriali ritengono determinanti altri due fattori per investire all’estero: aumento della qualità/sviluppo di nuovi prodotti e riduzione del costo del lavoro, mentre i gruppi multinazionali attivi nei servizi giudicano importanti aumento della qualità/sviluppo di nuovi prodotti e minori problemi di regolamentazione.

I settori più internazionalizzati sono l’estrazione di minerali da cave e miniere, la fabbricazione di autoveicoli, la fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche e la fornitura di energia elettrica e gas.

Le imprese specializzate nei settori tipici del Made in Italy si concentrano in Romania (quasi 47 mila addetti), in Cina (oltre 14 mila addetti), nello Sri Lanka (oltre 11 mila addetti) e in Serbia (quasi 7 mila addetti). L’Istat sottolinea inoltre che la dimensione media delle controllate italiane all’estero è piuttosto consistente (80,3 addetti), soprattutto se confrontata con quella delle imprese residenti in Italia (3,8 addetti).

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email