Istat: nel 2016 crescita del Pil (+0,9%) oltre le stime

Ma si affievolisce la ripresa dei consumi: +1,2%, nel 2015 era stata +1,5%

Istat: nel 2016 crescita del Pil (+0,9%) oltre le stimeNel 2016 il Pil italiano è cresciuto dello 0,9%. Si tratta della crescita più alta da sei anni: bisogna tornare al 2010, infatti, per trovare un dato più elevato (+1,7%).

Lo ha reso noto l’Istat che ha diffuso i dati su Pil e indebitamento.

Per il 2016 il governo, nelle ultime previsioni ufficiali, aveva stimato una crescita pari allo 0,8%.Nel 2016 il Pil ai prezzi di mercato è stato pari a 1.672.438 milioni di euro correnti, con un aumento dell’1,6% rispetto all’anno precedente.

In volume il Pil – ha spiegato l’Istituto – è cresciuto dello 0,9%. I dati disponibili per i maggiori paesi sviluppati indicano un aumento del Pil in volume in Germania (1,9%), nel Regno Unito (1,8%), negli Stati Uniti (1,6%) e in Francia (1,1%). Dal lato della domanda interna nel 2016 si registra, in termini di volume, una crescita dell’1,2% dei consumi finali nazionali e del 2,9% negli investimenti fissi lordi. Per quel che riguarda i flussi con l’estero, le esportazioni di beni e servizi sono aumentate del 2,4% e le importazioni del 2,9%.

La domanda interna ha contribuito positivamente alla crescita del Pil per 1,4 punti percentuali (0,9 al lordo della variazione delle scorte) mentre la domanda estera netta ha fornito un apporto negativo (-0,1 punti). A livello settoriale, il valore aggiunto ha registrato aumenti in volume nell’industria in senso stretto (1,3%) e nelle attività dei servizi (0,6%). Il valore aggiunto ha invece segnato dei cali nell’agricoltura, silvicoltura e pesca (-0,7%) e nelle costruzioni (-0,1%). Nel 2016 il valore aggiunto totale in volume è cresciuto dello 0,7%; nel 2015 aveva registrato un aumento della stessa entità. L’incremento è stato ampio nell’industria in senso stretto (1,3%), con al suo interno una crescita dell’1,1% della manifattura, mentre si rilevano cali nell’agricoltura, silvicoltura e pesca (-0,7%) e nelle costruzioni (-0,1%).

Nell’insieme delle attività dei servizi si è registrato un incremento dello 0,6%. La pressione fiscale complessiva, cioè l’ammontare delle imposte dirette, indirette, in conto capitale e dei contributi sociali in rapporto al Pil, nel 2016 è risultata pari al 42,9%, in calo di 0,4 punti percentuali rispetto al 2015.

Leggi le Altre notizie

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email