Istat: “Sale la fiducia delle imprese, ai massimi da un anno”

negozi6

 

Il miglioramento in tutti i settori. Confesercenti: “Ma per il dettaglio tradizionale la variazione è minima”

Il clima di fiducia delle imprese a settembre sale per la terza volta, con l’indice a quota 83,3, il valore più alto da luglio 2012, ovvero da oltre un anno. Lo rileva l’Istat, sottolineando come tuttavia il livello resti basso. Il miglioramento comunque tocca tutti i settori, con la manifattura ai massimi da due anni (agosto 2011). L’analisi del clima di fiducia per raggruppamenti principali di industrie (Rpi) indica un miglioramento dell’indicatore nei beni di consumo (da 92,8 a 96,0), nei beni intermedi (da 94,2 a 98,0) e nei beni strumentali (da 91,7 a 94,8). L’indice del clima di fiducia delle imprese di costruzione, fa sapere l’Istat, sale da 76,4 di agosto a 78,6. I giudizi sugli ordini e/o piani di costruzione e le attese sull’occupazione migliorano (i saldi aumentano da -52 a -49 e da -18 a -16, rispettivamente). L’indice destagionalizzato del clima di fiducia delle imprese dei servizi cresce da 79,8 a 80,8. Al peggioramento dei  giudizi  sul livello  degli ordini (da -19 a -25 il saldo)si contrappone il miglioramento delle relative attese (da -13 a -6); mentre si conferma in recupero il saldo relativo alle attese sull’andamento dell’economia in generale (da -38 a -36). Nel commercio al dettaglio, l’indice del clima di fiducia sale da 86,6 di agosto a 91,1. L’indice aumenta sia nella grande distribuzione (da 81,2 a 90,3) sia nella distribuzione tradizionale (da 93,2 a 94,9).

Confesercenti: “Segnale positivo, ma per la distribuzione tradizionale l’aumento è minimo”

“La ripresa della fiducia coinvolge tutti i settori, ma non possiamo fare a meno di notare che per la distribuzione commerciale tradizionale la variazione è minima: si tratta di 1,7 punti in più, quasi nulla in confronto ai 9,1 punti guadagnati dalla grande distribuzione. D’altro canto, tra liberalizzazioni, caro affitti e incognita IVA, non era lecito aspettarsi di più”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email