“Made in Italy” una vacanza fatta su misura per te: al via la nuova campagna pubblicitaria dell’Agenzia Nazionale del Turismo

Trasformare la ripresa virtuale in ripresa reale e promuovere l’Italia turistica  come destinazione in grado di suscitare e soddisfare le aspettative individuali di ciascun turista straniero. Con questa finalità l’Agenzia Nazionale del Turismo lancia per il 2014 la Campagna di comunicazione “Made in Italy” Una vacanza fatta su misura per te, messaggio creativo ispirato all’autenticità ed inimitabilità dell’Italia, che comprende un video e molteplici interventi corrispondenti ad altrettanti strumenti pubblicitari, modulati ed adattati in funzione dell’area geografica di azione (spot televisivi e sui circuiti dei cinema, affissionistica, inserzionistica, diffusione via web).
Concentrata su 8 mercati europei (Germania, Austria, Repubblica Ceca, Polonia, Francia, Scandinavia, Regno Unito e Russia) che rappresentano quasi il 50% dei pernottamenti del turismo estero in Italia, la Campagna pubblicitaria è articolata per singole tipologie di prodotto: Cultura & Benessere, Enogastronomia, Mare e Laghi, Città d’arte, Expo2015, Montagne & Parchi, Vacanza attiva, Borghi & Enogastronomia.
L’utilizzo dell’etichetta “Made in Italy” caratterizza il messaggio della Campagna, abbinando così il patrimonio storico, culturale e ambientale, con la manifattura d’eccellenza del nostro Paese. L’effetto restituito è quello di una molteplicità nell’unità: Italia come brand unico e riconoscibile.
L’idea del marchio “Made in Italy”, dell’agenzia di comunicazione Pomilio Blumm, è quella di realizzare un trasferimento simbolico di valori tra i due ambiti, il prodotto manifatturiero da una parte e l’esperienza turistica dall’altra, innescato dall’espediente della “immagine-tessuto” e dall’accostamento delle espressioni “vacanze” e “made in Italy.” L’effetto restituito è una duplice connotazione: Italia turistica come brand affidabile e come servizio “cucito su misura”.
“E’ una Campagna aperta – dichiara Andrea Babbi, Direttore Generale dell’Agenzia – perché sia il video che i vari strumenti pubblicitari utilizzati, seguono le regole del ‘copyleft’ permettendo così alle Regioni e agli operatori privati che vorranno utilizzarlo, di personalizzarla con l’implementazione di altre immagini per le loro azioni promozionali all’estero fatte assieme all’Agenzia Nazionale del Turismo.”

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email