Mps e Confesercenti insieme per rilanciare credito e ripresa

Oggi l’incontro tra l’amministratore delegato di Banca Mps, Fabrizio Viola ed il vice presidente nazionale di Confesercenti e presidente di Italia Comfidi, Massimo Vivoli

 

Rilanciare iniziative e progetti di partnership in grado di realizzare maggiori flussi di credito alle aziende associate che hanno progetti di consolidamento e di sviluppo nell’ottica di contribuire concretamente alla ripresa del Paese. Questo, in sintesi, il senso dell’accordo tra Banca Mps e Confesercenti presentato questa mattina nell’ambito di un incontro tra l’amministratore delegato di Banca Mps, Fabrizio Viola ed il vice presidente nazionale di Confesercenti e presidente di Italia Comfidi, Massimo Vivoli, secondo quanto si legge in una nota dell’Istituto senese.
Nel corso della riunione è stata realizzata una verifica ad ampio raggio del rapporto di collaborazione da tempo esistente tra l’Istituto di credito e le imprese rappresentate da Confesercenti. Sono state approfondite, inoltre, le problematiche dell’accesso al credito da parte delle Pmi, con particolare riferimento a quelle del commercio, turismo e servizi, nel particolare contesto congiunturale che coinvolge il nostro Paese.
L’amministratore delegato di BMps Fabrizio Viola si è soffermato sulle risposte che può dare una grande Banca come Mps fortemente radicata in questo segmento del tessuto economico, confermando il proprio supporto alle imprese associate, in particolare a quelle più dinamiche e moderne, con l’intento di favorire la diffusione della provvista agevolata messa a disposizione del sistema dalla Cassa Depositi e Prestiti.
Aleandro Manetti ha sottolineato che Italia Comfidi, la società consortile per il credito di Confesercenti, ha un patrimonio di professionalità e di progettualità ed un radicamento nel territorio che può facilitare e garantire il rapporto fra la Banca Mps, con cui vi è una collaborazione ormai trentennale, e le 65.000 imprese associate. E’ stato rilevato, infine, che Italia Comfidi, in qualità di confidi 107 vigilato da Banca d Italia, grazie anche alle misure approvate dal Governo nel recente Decreto del Fare, può oggi aiutare maggiormente le imprese ad accedere con rapidità a maggiori quantità di credito, grazie alla fornitura della garanzia del Confidi coperta anche dalla controgaranzia del Fondo Centrale di Garanzia per il credito alle PMI. Ciò può consentire a Banca Monte dei Paschi di Siena di contenere il proprio impegno di capitale ed ampliare la propria offerta di credito alle imprese del sistema Confesercenti che si rivolgono alla banca tramite Italia Comfidi.

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email