Natale, Confesercenti SWG: il 25 dicembre è la festa più gradita

E’ tra le preferite per il 97% degli italiani. Feste laiche poco sentite, il Santo Patrono batte primo maggio e 25 aprile. L’albero di Natale è la decorazione più scelta, crolla la tradizione del Presepe

Natale-Foto-Link-FacebookIl Natale è nel cuore degli italiani. La giornata del 25 dicembre è indicata tra le festività preferite dal 97% degli italiani: un risultato nettamente superiore a quello della Pasqua – in seconda posizione con il 66% delle preferenze degli intervistati – e del Ferragosto, indicato dal 36%. E’ quanto emerge dalla nuova edizione del tradizionale sondaggio Confesercenti SWG sulle abitudini, i consumi e le vacanze degli italiani nella stagione natalizia. Il sondaggio di Natale Confesercenti-SWG, che quest’anno celebra la sua 15esima edizione, è condotto su un campione statistico di 1.400 persone rappresentativo della popolazione del nostro Paese.

Il gradimento delle festività. Il Natale e le feste di origine religiosa, complessivamente, sembrano comunque riscuotere un gradimento più elevato delle altre festività. A incidere, con molta probabilità, è il fatto che siano accompagnate tradizionalmente da un periodo di vacanza più o meno lungo, che induce gli italiani a vederle più favorevolmente. Ma sul giudizio pesa anche la maggiore antichità delle celebrazioni di origine religiosa, come pure il loro inserimento nelle tradizioni locali. Da questo punto di vista è indicativo il livello di gradimento del Santo Patrono, che è indicato tra le festività più sentite dall’11% degli intervistati. Un risultato superiore a quello di feste laiche nazionali come il Primo Maggio – che raccoglie il 7% delle risposte – ed il 25 aprile (5%). Tra le feste commerciali, spicca invece la performance di San Valentino: la festa degli innamorati e dell’amore è tra le più sentite per il 13% dei nostri connazionali, appena il 2% in meno dell’Epifania.

Le tradizioni per il Natale. L’exploit del 25 dicembre non vuole dire, però, che il Natale degli italiani sia nel segno della tradizione. Il progressivo allontanamento degli italiani dalla versione più classica delle celebrazioni è chiaramente riscontrabile dal progressivo arretramento della tradizione del Presepe. Che quest’anno registra un vero crollo: faranno il presepe appena quattro italiani su dieci (il 39%), con una flessione del 7% rispetto allo scorso Natale. Il confronto con il 2007 è indicativo del calo: all’epoca, infatti, faceva il presepe una famiglia su due. Quest’anno spunta anche un concorrente: il villaggio di Natale di tradizione nordica, per ora scelto però solo dall’1% degli intervistati. L’albero anche è in calo, ma resiste comunque meglio: il tradizionale addobbo sarà presente in circa sette case su dieci (il 69%). Si accontenterà di mettere appena qualche decorazione, invece, il 12%, mentre l’11% non farà niente: una quota in crescita del 3% sullo scorso anno.

La nostalgia dei Natali passati. Si rileva però una contraddizione nel sentimento degli italiani sul Natale: se da un lato ci si allontana progressivamente dalle tradizioni, dall’altro si ha comunque nostalgia dei Natali di un tempo. Ben nove italiani su dieci, infatti, lamentano un peggioramento del clima natalizio rispetto a quello della propria infanzia. Un peggioramento che investe quasi tutti gli ambiti: il 92% lamenta di come, nel passato si stesse più in famiglia, mentre il 91% sostiene che il Natale fosse un tempo più centrale, e che le tradizioni fossero più rispettate. Per l’84% anche i doni natalizi avevano più valore, mentre c’è un 78% che li ricorda come momenti meno caratterizzati dallo spreco rispetto ad oggi.

Quali sono, tra queste, le festività a lei più gradite? (possibili più risposte)

Natale

97

Pasqua

66

Ferragosto

36

l’Epifania

15

San Valentino

13

Carnevale

12

il Santo patrono

11

Primo maggio

7

il 25 aprile

5

(valori % somma risposte disponibili)

Quest’anno, Lei:

2007

2015

2016

farà l’albero di Natale

36

31

37

farà il presepe

9

4

7

farà sia albero di Natale che Presepe

41

42

32

Totale albero di Natale

77

71

69

Totale Presepe

50

46

39

Farò il villaggio di Natale al posto del Presepe

1

metterà solo qualche addobbo natalizio

8

14

12

non farà nessuna decorazione

6

9

11

(valori %)

 

Se pensa ai Natali della sua infanzia direbbe che …
si stava di più in famiglia

92

era la festa più importante

91

erano più rispettate le tradizioni

91

l’atmosfera era magica

91

i regali avevano più valore

84

c’era minor spreco

78

(valori %)

 

 

NOTA INFORMATIVA AI SENSI DELL’ART. 5 DELLA DELIBERA N. 256/10/CSP DELL’AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

 

Titolo del sondaggio:  ‘’Consumi e vacanze di Natale 2016. La situazione economica dl Paese”.

Tema del sondaggio: Previsioni di spesa e analisi del contesto economico.

Soggetto realizzatore:  SWG SpA

Committente e acquirente:  Confesercenti Nazionale

Periodo di esecuzione:  dal 21/11/2015 al 26/11/2015

Metodologia di rilevazione:  sondaggio con tecnica mista (telefonica con metodo CATI e online con metodo CAWI) su un campione casuale probabilistico stratificato e di tipo panel ruotato di 1400 soggetti, rappresentativi dell’universo della popolazione residente in Italia di età superiore ai 18 anni. Il campione intervistato con metodo CAWI è estratto dal panel proprietario SWG. Tutti i parametri sono uniformati ai più recenti dati forniti dall’ISTAT. I dati sono stati ponderati al fine di garantire la rappresentatività rispetto ai parametri di genere, età e zona di residenza dell’intervistato.

Margine d’errore massimo: ± 3,0%

 Leggi qui le altre notizie in evidenza

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email