Piano Juncker parte anche in Italia, 100 milioni a pmi innovative

Siglato primo accordo con il Paese

innovazione

Il piano Juncker comincia ufficialmente ad essere operativo anche in Italia, con l’accordo siglato oggi tra lo European Investment Fund (EIF) e il gruppo BPER (a cui fa consulenza Finanziaria Internazionale) per aumentare il credito a pmi che puntano sull’innovazione. Lo rende noto la Commissione Ue, spiegando come si tratti della prima transazione in Italia a beneficiare del sostegno del fondo per gli investimenti strategici (EFSI) del piano Juncker.
L’accordo consentirà al gruppo BPER (BPER Banca, Banco di Sardegna e Banca di Sassari) di fornire nei prossimi due anni prestiti per 100 milioni di euro ad aziende che innovano. I prestiti saranno sostenuti da garanzie dell’EIF. “Sono felice che l’accordo di oggi tra EIF e BPER Banca, sostenuto dall’EFSI, consentirà alle pmi italiane di accedere a nuovi prestiti per un totale di 100 milioni di euro. Questo è un altro esempio di come il piano Juncker stia rafforzando gli investimenti che possono generare crescita”, ha detto il vicepresidente della Commissione Ue responsabile del piano, Jirky Katainen.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email