Rete Imprese Italia: “Bene riduzione Irpef, ma inaccettabile limitarla ai soli lavoratori dipendenti”

“Il probabile intervento per ridurre il peso dell’Irpef sarebbe decisamente utile, perché potrebbe contribuire alla ripresa del mercato interno e dei consumi, drammaticamente colpiti dalla lunga crisi. Tuttavia, secondo Rete Imprese Italia, sarebbe un gravissimo errore limitare il taglio ai soli lavoratori dipendenti, escludendo i lavoratori autonomi, i titolari di reddito d’impresa e i pensionati. Un’ingiustizia inaccettabile che, inoltre, ridurrebbe di molto l’efficacia del provvedimento sull’economia italiana”. Così Rete Imprese Italia sulle ipotesi di taglio del cuneo fiscale. “L’obiettivo da perseguire, invece, deve essere quello di una riduzione dell’imposta sulla persone fisiche senza discriminazioni, accompagnata da semplificazioni burocratiche e sgravi per le imprese che assumono. Non va dimenticato che, se si vuole favorire una sollecita ripresa dell’occupazione e dei consumi interni, si deve puntare a sostenere il ruolo e le potenzialità di milioni di MPMI e imprese diffuse che già oggi garantiscono il 68% del fatturato del Paese e il 52% dei posti di lavoro e che sono in grado – a differenza di altri settori economici – di crearne rapidamente di nuovi, sempre che siano messi nelle condizioni migliori per esercitare la loro attività. Auspichiamo che in queste ore prevalga il buon senso e che il Governo decida saggiamente che l’intervento sull’Irpef debba includere tutti, anche i lavoratori autonomi, i titolari di reddito d’impresa e i pensionati oppure l’effetto sui consumi sarà inevitabilmente troppo debole”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email