Sostegni bis: Assoturismo, bene risorse per Roma, turismo della città ancora in stallo

Pesa assenza stranieri, prima della pandemia a Roma valevano 20 milioni di pernottamenti. Tutte le mete culturali ancora lontane dalla ripresa, mantenere supporto per le imprese

“L’incremento di risorse da destinare a Roma nell’ambito del Fondo per le Città d’arte è assolutamente benvenuto, perché necessario: il turismo cittadino sta vivendo ancora una drammatica fase di stallo. Una difficoltà che purtroppo coinvolge tutte le mete culturali, ma che nella Capitale è particolarmente acuta”.

Così il Presidente di Assoturismo Vittorio Messina commenta l’approvazione dell’emendamento FDI al Sostegni Bis che aumenta da 50 a 60 milioni la dotazione del Fondo del ministero del Turismo per le città d’arte, con un incremento di 10 milioni di euro da destinare a Roma Capitale.

“Dopo la perdita della stagione primaverile – la più importante per la città – a causa delle restrizioni, l’estate non decolla come sperato. A pesare è l’assenza del turismo estero, che a Roma ha un peso straordinario: prima della pandemia i pernottamenti di viaggiatori stranieri nella Capitale superavano i 20 milioni l’anno, il doppio di Venezia”.

“Tutte le mete culturali, comunque, sono in sofferenza per l’assenza degli stranieri – conclude Messina -: il Green pass, a causa dell’incertezza causata dalle notizie di varianti, non sta dando i risultati attesi. Una sofferenza prolungata, che sta gettando le imprese di tutte le città d’arte in uno stato di crisi profonda: in questo scenario, sarà importante continuare a supportarle nel lungo percorso verso la ripresa, che difficilmente arriverà prima del 2022. Serve un intervento strutturale che le accompagni verso il rilancio”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email