Stallo su Grecia, Varoufakis: “Atene non presenterà a Eurogruppo nuove proposte”

GREXIT

Il destino della Grecia resta appeso a un filo e le borse attendono con il fiato sospeso gli sviluppi di un negoziato che fatica a sbloccarsi.
Il principale fattore che blocca le trattative sulla ripresa dei finanziamenti ad Atene è costituito dalle “divergenze tra Commissione Ue e Fondo Monetario Internazionale sulla ristrutturazione del debito”, ha spiegato il primo ministro ellenico, Alexis Tsipras, aggiungendo che “è cruciale raggiungere un accordo fattibile con i creditori, non uno che tra sei mesi riporti la Grecia nella situazione attuale”. Creditori che comunque “vogliono umiliare il governo greco”.

Intanto il ministro delle Finanze greco, Ynis Varoufakis, in un’intervista a Bild in edicola oggi, ha fatto sapere che Atene non presenterà all’Eurogruppo di giovedì nuove proposte per una soluzione del contenzioso con i creditori internazionali. Non lo farà, ha spiegato, “perché l’Eurogruppo non è il posto idoneo per la discussione di proposte che non siano prima state negoziate a un livello più basso”. In ogni caso, ha aggiunto Varoufakis, la delegazione greca “è pronta in qualsiasi momento” a trovare una soluzione insieme con le controparti, che hanno bisogno di tornare al tavolo delle trattative “con un chiaro e robusto mandato”.

In seguito al fallimento del tavolo negoziale convocato lo scorso weekend, è sempre più concreta la possibilità di un’uscita dall’euro della Grecia, che dovrà rimborsare 1,6 miliardi di euro al Fmi entro fine mese e altri 6,7 miliardi di euro alla Bce tra luglio e agosto. Domani, un giorno prima della riunione dell’Eurogruppo, una nuova mediazione verrà tentata dal cancelliere austriaco Werner Faymann, che volerà ad Atene per incontrare Tsipras.

 

 

 

 

 

 

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email