Startup innovative: in Italia sono più di 7mila, il 4% è nel commercio

Il rapporto Mise-Infocamere

Crescono le startup in Italia, anche nel commercio. Al 30 giugno 2017 il numero delle imprese innovative iscritte alla sezione speciale del Registro delle  imprese è pari a 7.394, in aumento di 514 unità rispetto alla fine di  marzo (+7,5%). E non sono più solo industriali: a lavorare nei settori dell’industria in senso stretto è circa il 20% delle startup, mentre il 70% opera nei servizi alle imprese ed il 4% nel commercio.

E’ quanto emerge dall’ultima edizione Report del ministero Sviluppo  economico-InfoCamere, relativa al secondo trimestre del 2017 e  pubblicata quest’oggi sul sito startup.registroimprese.it. Analizzando la distribuzione geografica del fenomeno, in valore  assoluto la Lombardia rimane la regione in cui è localizzato il  maggior numero di startup innovative: 1.694, pari al 22,9% del totale  nazionale. Seguono l’Emilia- Romagna con 808 (10,9%), il Lazio con 719 (9,7%), il Veneto con 637 (8,6%) e la Campania, prima regione del  Mezzogiorno con 547 (7,4%). In coda alla classifica figurano la  Basilicata con 56, il Molise con 27 e la Valle d’Aosta con 15 startup  innovative. Realizzato dal ministero dello Sviluppo  economico e da InfoCamere, la società informatica del sistema  camerale, in collaborazione con UnionCamere, l’Unione italiana delle  camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura, il rapporto presenta un’ampia gamma di informazioni relative alla distribuzione  geografica e settoriale delle startup innovative, al valore  complessivo e medio della produzione e del capitale sociale, alla  redditività e alle presenze giovanili, femminili ed estere nelle  compagini sociali.

Leggi il rapporto completo sul sito del Mise.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email