Turismo, parti sociali firmano avviso comune per chiedere al Governo la proroga dei sostegni fino al 30 giugno 2022


Recepire richiesta Commissione Ue per assicurare ulteriori risorse su contenere costi fissi, sostenibilità indebitamento e finanziamento ammortizzatori sociali 

Confesercenti ha sottoscritto, insieme alle altre organizzazioni nazionali delle imprese del settore turismo e ai sindacati (Filcams Cgil, Fisascat Cisl e UILTuCS), un avviso comune per chiedere al Governo italiano di rispondere positivamente alla richiesta della Commissione europea in merito alla proroga, fino al 30 giugno 2022, del quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza.

Nel documento, le parti sociali chiedono che vengano assicurate ulteriori risorse a favore delle misure di sostegno per imprese e lavoratori.

“Auspichiamo – afferma Confesercenti – che il Governo risponda tempestivamente, con provvedimenti mirati ed indispensabili per un settore drammaticamente colpito dall’emergenza epidemiologica e per far fronte alle condizioni di difficoltà in cui il settore continua ad operare. In particolare, il contenimento dei costi fissi come l’esonero Imu ed il credito imposta per gli affitti; la sostenibilità dell’indebitamento tra cui le moratorie dei mutui e le garanzie sui crediti; la tutela dell’occupazione ed il finanziamento degli ammortizzatori sociali con causale Covid-19”. 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email