Ue, Eurostat: vendite al dettaglio già dello 0,5% a giugno

Dato sull’Italia ‘confidenziale’

Vendite al dettaglio giù dello 0,5% nell’eurozona e dello 0,3% nell’Ue a 27 a giugno. Lo comunica Eurostat, ricordando che il mese precedente era aumentato rispettivamente dell’1,1% e dell’1,3% Su anno, e’ sceso dello 0,9% nell’area euro e dello 0,1% nell’Ue a 27.

Tra i Paesi membri, i cali più rilevanti nelle vendite al dettaglio sono state registrate in Estonia (-3,3%), Ungheria (-1,9%), Austria (-1,7%) e Germania (-1,5%), mentre gli aumenti maggiori a Malta (+1,8%), Lussemburgo (+1,3%) e Danimarca (+1,2%). Per quanto riguarda l’Italia, il dato e’ confidenziale, mentre a giugno si era registrato un +0,1%.

Nell’area euro i consumi delle famiglie hanno chiuso il secondo trimestre all’insegna della debolezza. A giugno le vendite realizzate dal commercio al dettaglio dell’Unione valutari hanno subito una contrazione dello 0,5 per cento rispetto al mese precedente, secondo i dati pubblicati da Eurostat, l’ente di statistica comunitario. E nel confronto con lo stesso mese di un anno prima le vendite risultano diminuite dell’1,1 per cento.

Guardando a tutta l’Unione europea a 27, dice ancora Eurostat, a giugno le vendite sono diminuite dello 0,3 per cento dal mese
precedente e dell’1,3 per cento su base annua. Le flessioni registrate a giugno segnano recuperi nel mese di maggio, in cui nell’area euro le venite avevano segnano un più 1,1 per cento su base mensile.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email