Ue, Juncker presenta la nuova squadra dell’esecutivo comunitario

Moscovici all’Economia, il ‘rigorista’ Katainen coordinatore dei commissari economici

Il presidente eletto della Commissione Europea, Jean-Claude Juncker, annuncia oggi l’organizzazione del nuovo esecutivo comunitario. L’assegnazione delle nomine nella Commissione che il lussemburghese guidera’ e’ stata il frutto di numerose trattative nelle ultime settimane, culminate con la nomina dell’unica casella finora assegnata, quella del vice della Commissione, la responsabile della diplomazia europea, Federica Mogherini.

I NOMI. Il francese Pierre Moscovici sarà il futuro commissario Ue agli affari economici. Il finlandese ‘rigorista’ Jyrki Katainen sarà il vicepresidente coordinatore di tutti i principali portafogli economici della nuova Commissione targata Juncker.

Frans Timmermans è il primo vicepresidente della Commissione presentata oggi da Jean-Claude Juncker. Attuale ministro degli Esteri olandese, avrà il portafoglio per il miglioramento della normativa, le relazioni istituzionali, lo stato di diritto e la Carta dei Diritti Fondamentali. E’ indicato come “braccio destro del presidente”.

“Riuscire ad ottenere commissari di sesso femminile è stata un’impresa ardua“, ma ora “sono nove”, di cui tre vicepresidenti, e “tutte con portafogli chiave come concorrenza, mercato interno, industria, lavoro e commercio”, ha detto Juncker presentando il nuovo esecutivo Ue. Che poi ha elogiato il lavoro di Federica Mogherini: “Non sono sorpreso dalle sue qualità” ma “da certi commenti che hanno accompagnato” la sua candidatura. “E’ ultracompetente”, dice infatti Juncker presentando la sua Commissione e dicendosi “felice” che l’italiana avrà l’ufficio nel palazzo Berlaymont e “parteciperà di più” ai lavori della Commissione.

Il gabinetto conta poi la danese Margrethe Vestager alla Concorrenza, l’inglese Jonathan Hill ai Servizi Finanziari; il portafoglio per il Mercato Unico e l’Industria va alla polacca Elzbieta Bienkowska, il liberale estone Ansip all’Agenda Digitale, la svedese Malmstrom al Commercio, il tedesco Oettinger all’Economia Digitale, lo spagnolo Canete al Clima ed Energia, l’ungherese Navracsics a Scuola e Cultura, la belga Thyssen al Lavoro e Affari Sociali

LA CANCELLIERA AL BUNDESTAG
 Angela Merkel ha intanto messo in guardia, oggi nel Bundestag, sulla necessità di continuare sulla strada delle riforme e del rigore, sottolineando che la Commissione europea fa bene a fare pressione per questo obiettivo e ha il sostegno della Germania. “Per raggiungere i nostri obiettivi è necessaria una stretta disciplina della spesa. Questo vale per la Germania e anche per l’Europa”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email