Usura: interessi al 200% l’anno per gli imprenditori in difficoltà, 19 arresti nel Napoletano

Confesercenti: “Usura piaga mai guarita, chi è in difficoltà si rivolga subito ad  associazioni e istituzioni”

Interessi usurai fino al 200% imposti a imprenditori in difficoltà economiche. Nell’area orientale del capoluogo campano e nel Vesuviano sono state arrestate 19 persone dai carabinieri della Compagnia di Napoli-Poggioreale. I destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale partenopeo sono accusati, a vario titolo, di usura e di estorsione aggravati dal metodo mafioso.

Nel corso delle indagini, coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia di Napoli, i militari dell’Arma hanno accertato che gli indagati, per quasi 10 anni, avevano dato prestiti ad alcuni imprenditori con problemi economici pretendendo poi il pagamento di interessi dal 28 al 200% all’anno, arrivando a vari episodi estorsivi per recuperare il credito.

Per quasi 10 anni avrebbero concesso prestiti ad imprenditori in difficoltà economiche, pretendendo tassi d’interesse tra il 28 e il 200 per cento all’anno e, in in alcuni casi, avrebbero sottoposto a estorsione le vittime per recuperare il denaro. Diciannove persone, accusate a vario titolo di usura ed estorsione, reati aggravati dal metodo mafioso, sono state arrestate dai carabinieri di Napoli tra la zona orientale del capoluogo campano e il vesuviano.

“L’usura – commenta Confesercenti – è una piaga che non è mai guarita, e questo nonostante decenni di lotte e iniziativa, di cui Confesercenti è stata protagonista. Purtroppo il mix di recessione e crisi del credito crea un mix ideale per la proliferazione del fenomeno. Ci appelliamo agli imprenditori perché non si rivolgano agli usurai: non sono angeli, ma squali pronti a divorare loro, la loro attività e la loro famiglia. Per questo consigliamo agli imprenditori in difficoltà di rivolgersi alle associazioni antiusura ed antiracket, come Sos Impresa Confesercenti.   (www.sosimpresa.it)

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email