Autostrade. Il Governo completamente inerte, sotto scacco dei concessionari e dei loro interessi. I gestori pronti proclamano la terza tornata di scioperi: aree di servizio chiuse il 5 e 6 maggio. In programma azioni di protesta sulle autostrade di Milano nei pressi dell’EXPO

benzinai_chiusoLe Aree di Servizio autostradali rimarranno chiuse per sciopero per 48 ore, dalle ore 22.00 del 4 maggio alla stessa ora del 6.
La nuova tornata di sciopero dei gestori – la terza dopo quelle già effettuate negli ultimi due mesi – è stata proclamata dalle Organizzazioni di categoria – Faib Confesercenti, Fegica Cisl ed Anisa Confcommercio – dopo aver dovuto constatare l’assoluta mancanza di iniziativa da parte del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti e del Ministero dello Sviluppo Economico, competenti in materia.
Come non era stato difficile pronosticare – si legge in una nota congiunta delle tre Federazioni – i Rappresentanti del Governo non hanno dato alcun seguito alle sterili riunioni delle scorse settimane, né hanno offerto nemmeno il minimo segno di attenzione alle questioni di interesse generale sottoposte loro da tempo: dalla qualità del servizio pubblico che dovrebbe caratterizzare un bene dato in concessione, quale è il “nastro” autostradale, ai costi – sia in termini di pedaggio che di royalty pretese sulle vendite di carburanti e ristorazione – imposti a tutto il sistema e, in ultimo, ai consumatori…Continua

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email