Bce: “In eurozona atteso ulteriore ampliamento ripresa”

“In prospettiva è atteso un ulteriore ampliamento della ripresa economica”. E’ quanto prevede la Bce nel bollettino economico

bce

“Nel primo trimestre del 2015 la crescita trimestrale del PIL reale dell’area dell’euro si è confermata allo 0,4 per cento. L’espansione è stata sostenuta dalla domanda interna, attraverso i cospicui contributi dei consumi privati e adesso anche degli investimenti. I risultati delle ultime indagini congiunturali, fino a giugno, restano coerenti con il procedere di una crescita moderata nel secondo trimestre”, si legge nel testo. “In prospettiva, è atteso un ulteriore ampliamento della ripresa economica. La domanda interna dovrebbe essere sorretta dalle misure di politica monetaria della BCE e dal favorevole impatto sulle condizioni finanziarie, nonché dai progressi compiuti sul fronte del risanamento dei conti pubblici e delle riforme strutturali. Inoltre, i bassi prezzi del petrolio dovrebbero continuare a sostenere il reddito disponibile reale delle famiglie e la redditività delle imprese, e quindi i consumi privati e gli investimenti. In aggiunta, la domanda di esportazioni dell’area dell’euro dovrebbe beneficiare della maggiore competitività di prezzo”.
La Bce segnala, però, che la peggiore performance all’interno dell’eurozona è quella del nostro paese: “l’Italia ha registrato i risultati peggiori in termini di convergenza sul Pil procapite tra i Paesi che hanno aderito all’euro fin dall’inizio.
“Tra i paesi ad alto reddito, l’Italia ha registrato una crescita inferiore alla media dell’area dell’euro quasi per l’intero periodo generando un’aumentata divergenza”.

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email