Bonus pubblicità: adottato il modello e definite modalità di fruizione del credito

Ne dà notizia il Dipartimento per l’informazione e l’editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri

“In data 31 luglio 2018, con provvedimento del Capo del Dipartimento per l’informazione e l’editoria, è stato approvato il modello di comunicazione telematica e sono definite le modalità per la presentazione della comunicazione sull’apposita piattaforma dell’Agenzia delle Entrate, ai fini della fruizione del credito di imposta per gli investimenti pubblicitari incrementali su quotidiani, periodici e sulle emittenti televisive e radiofoniche locali (articolo 57-bis del decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50)”.

Ne dà notizia il Dipartimento per l’informazione e l’editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

“Il modello di comunicazione e le relative istruzioni per la compilazione – spiega il Dipartimento – sono disponibili per la sola consultazione, anche nella sezione dedicata. Le comunicazioni sono presentate esclusivamente per via telematica, utilizzando i servizi telematici che saranno messi a disposizione nell’apposita area riservata del sito internet dell’Agenzia delle Entrate”.

Le comunicazioni telematiche per l’anno in corso – conclude –  relative agli investimenti effettuati nell’anno 2018, nonché quelle relative agli investimenti effettuati dal 24 giugno 2017 al 31 dicembre 2017 esclusivamente sulla stampa quotidiana e periodica anche online, dovranno essere presentate, separatamente, dal 22 settembre al 22 ottobre 2018. Le dichiarazioni sostitutive sugli investimenti 2018 andranno trasmesse dal 1° al 31 gennaio 2019″.

Il “responso” per il 2018 arriverà entro il prossimo 21 novembre.

Chi deve presentare la comunicazione? Imprese, dai lavoratori autonomi e dagli enti non commerciali che intendono beneficiare dell’incentivo per gli investimenti incrementali in campagne pubblicitarie su quotidiani e periodici (anche on line) e su tv e radio locali (analogiche o digitali), effettuati o da effettuare nell’anno agevolato.

Nel caso in cui il contributo richiesto superi i 150mila euro – spiega FiscoOggi, giornale on line delle Entrate – l’interessato deve rilasciare una delle seguenti dichiarazioni: di essere iscritto negli elenchi dei fornitori, prestatori di servizi ed esecutori di lavori non soggetti a tentativi di infiltrazione mafiosa; di aver indicato nel riquadro “Elenco dei soggetti sottoposti alla verifica antimafia” i codici fiscali di tutti i soggetti da sottoporre alla verifica antimafia (articolo 85, Dlgs 159/2011)”.

Il modello può essere presentato, esclusivamente per via telematica, al dipartimento per l’Informazione e l’editoria – conclude FiscoOggi – attraverso i servizi telematici dell’Agenzia delle entrate, direttamente dal richiedente il contributo o da una delle società dell’eventuale gruppo societario oppure da un intermediario abilitato. L’accesso all’area riservata del sito delle Entrate dal quale effettuare l’invio può avvenire tramite Spid, le credenziali Entratel o Fisconline rilasciate dalla stessa Agenzia oppure con la Carta nazionale dei servizi. Il sistema restituirà, sempre on line, l’attestazione della corretta trasmissione del modello”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email