Confesercenti Siena – Innovazione digitale nel retail: presentati i risultati del Rapporto Omnichannel

A Siena il nuovo appuntamento #Openimprese col Segretario di Confesercenti Mauro Bussoni

Confesercenti Siena - Innovazione digitale nel retail: presentati i risultati del Rapporto OmnichannelAlla fine del 2015 l’incidenza del web sulle vendite al dettaglio delle imprese medio-piccole  non superava il 5 per cento, ma nel corso del 2016 la crescita di questa voce di fatturato è stata superiore al 10 per cento.

E’ una dei dati più rilevanti del “Rapporto Omnichannel retail” redatto dagli Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano dopo aver interpellato nei mesi scorsi quasi 500 tra retailers italiani top e medio piccoli.

Il 61 per cento dei retailer medio-piccoli ha investito per migliorare la propria ‘omnicanalità’, ovvero l’integrazione tra  negozio fisico, online e mobile: a tutt’oggi persiste tuttavia una consistenze minoranza (circa un terzo del campione) per i quali l’innovazione digitale non è una priorità.

 Il contesto di innovazione. Il Rapporto è stato presentato oggi a Siena durante l’iniziativa “L’impresa diffusa verso il digitale”, nuovo capitolo del percorso #Openimprese con cui Confesercenti sta accompagnando in tutta la Toscana la piccola e media impresa verso un uso più consapevole ed efficace delle nuove tecnologie.

Tra gli interventi del Segretario generale di Confesercenti nazionale Mauro Bussoni e dell’Assessore alla Presidenza e Innovazione della Regione Toscana, Vittorio Bugli; e quelli di Carlo Conforti e Nico Gronchi, rispettivamente Presidente provinciale e regionale di Confesercenti, il Direttore dell’Osservatorio Digitale nel Retail Valentina Pontiggia ha illustrato i dati raccolti.

Tra le imprese europee di commercio al dettaglio, quelle italiane ‘contano’ più per il numero (18 per cento) che per il fatturato (12 per cento).

In questo contesto, in un caso su due adottano processi di innovazione per volontà e intervento diretto del proprietario del negozio.

Un 20% dei medio-piccoli retailer si affida invece a una figura professionale (interna o esterna) dedicata all’innovazione, altrettanti ad una società esterna.

Indipendentemente da chi sia il promotore dell’innovazione, il 67% dei medio-piccoli retailer dichiara che manca il monitoraggio e controllo delle performance legate all’introduzione del digitale.

I fattori frenanti. Stando ai dati del Rapporto Ominchannel Retail, l’incidenza dell’investimento in innovazione digitale è limitata: i medio-piccoli retailer del campione investono pochi decimi di punto percentuale del fatturato generato (0,2-0,3%) . Tra le barriere che bloccano l’investimento, gli imprenditori segnalano i costi elevati (indicati dal 54% del campione) e la mancanza di competenze interne adeguate (44%).

Le applicazioni pratiche. Le innovazioni digitali nel back-end sono le più diffuse e consolidate: 8 rispondenti su 10 adottano sistemi di comunicazione con i fornitori tramite email o sistemi web, 6 su 10 emettono fatture e bolle elettroniche e 3 su 10 utilizzano sistemi gestionali per il demand planning e distribution planning basati su supporti elettronici.

Dai dati presentati emergono chiari elementi di stimolo per operatori pubblici e privati. Per Mauro Bussoni “la multicanalità per le piccole e medie imprese è importante.

Il consumatore sempre più spesso  effettua scelte che rimbalzano tra rete, il negozio fisico e viceversa. Confesercenti sta promuovendo iniziative di stimolo in questo senso sul territorio nazionale: tra queste, recentemente, una piattaforma per l’incrocio tra domanda e offerta di derrate alimentari in eccedenza”.

E in Toscana? “con il progetto OpenImprese abbiamo cercato di avvicinare le PMI all’innovazione – ha evidenziato Nico Gronchi –  attraverso un percorso di crescita e sviluppo.

Come Confesercenti abbiamo scommesso sul valore del digitale, le nostre imprese dovranno tentare di seguire ed anticipare le sfide poste dall’innovazione tecnologica, per sopravvivere e svilupparsi in una realtà economica in continuo mutamento.”.

E Vittorio Bugli, Assessore Regionale: “per la Regione Toscana l’ambito principale di intervento in tema di innovazione è l’estensione della banda larga sul territorio.

Ma gli strumenti digitali possono rivelarsi determinanti anche per il rilancio delle aree in cui il commercio tradizionale era presente in passato: lo stiamo sperimentando con Confesercenti a Livorno.

Il ruolo delle associazioni può essere strategico per il coinvolgimento delle imprese.

Leggi le altre news Dal Territorio 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email