Ecoreati, il Senato approva il ddl: pene più severe per i crimini ambientali

Ora torna alla Camera. Grasso: migliore risposta a Terra dei Fuochi

ecoreatiIl Senato ha approvato il ddl sugli ecoreati. Il provvedimento, votato dalla maggioranza insieme a Sel e M5s (astenuta la Lega, contraria Fi), introduce i reati di inquinamento ambientale, di disastro ambientale, i delitti colposi contro l’ambiente, il traffico e l’abbandono di materiale radioattivo e il reato di impedimento al controllo. Ora torna all’esame della Camera. Per il presidente del Senato Grasso ed il Guardasigilli Orlando è ‘la migliore risposta’ alle vicende Eternit e Terra dei Fuochi. Il ministro dell’ambiente Galletti commenta: ‘Norme fondamentali per stroncare i business criminali’.

“Questa mattina il Senato ha approvato il Disegno di Legge sugli Ecoreati che risponde alla grande esigenza di giustizia e di tutela dell’ambiente che proviene da tutto il nostro Paese, unito da nord a sud. In questo momento il pensiero non può non andare a Roberto Mancini, il “poliziotto della terra dei fuochi” che, proprio nell’ambito delle sue indagini sul traffico illecito di rifiuti in Campania, si è ammalato di tumore ed è scomparso quasi un anno fa; penso a Romana Blasotti di Casale Monferrato, che ho incontrato qualche mese fa in Senato per la vicenda Eternit e mi ha raccontato di come avesse finito le lacrime da versare per i suoi 5 familiari morti per colpa dell’amianto”. E’ quanto ha scritto sul suo profilo facebook il presidente del Senato, Pietro Grasso.”L’approvazione del ddl di oggi è una risposta al loro dolore, a quello delle loro famiglie e all’ingiustizia che hanno subito – aggiunge Grasso -. Ora il provvedimento torna alla Camera dei Deputati: mi auguro si possa in tempi brevi concludere il percorso legislativo e dotare finalmente l’Italia di norme fondamentali per punire chi commette reati contro l’ambiente e deturpa la bellezza della nostra terra, minando la nostra salute, quella dei nostri figli e delle future generazioni”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email