Istat: “A maggio fiducia consumatori al massimo da 2010”

A fare da traino è il clima economico

La fiducia dei consumatori sale ancora, toccando a maggio il valore più alto da gennaio 2010, con l’indice a 106,3 (dal 105,5 di aprile). E’ quanto rileva l’Istat che sottolinea come a trainare il rialzo, il terzo consecutivo, sia la componente economica, giudizi e attese sulla situazione del Paese, ai massimi da marzo 2007.
L’indagine che, ricorda l’Istat, viene condotta nelle prime due settimane del mese, vede infatti balzare il clima economico, a 118,1 da 115,3. Ad aumentare è anche l’ottimismo nei confronti della stato personale (a 102,0 da 100,6) in cui rientrano valutazioni e aspettative relative al quadro economico familiare, i giudizi sul bilancio ‘domestico’, le opinioni e le prospettive di risparmio.
Guardando alla dimensione temporale, c’è più fiducia sul presente, con il cosiddetto clima corrente in crescita (a 104,6 da 101,6), mentre cede qualcosa l’ottimismo per il futuro (a 108,9 da 109,4). A livello territoriale il clima di fiducia aumenta in tutte le diverse aree, ad esclusione del Mezzogiorno.

 

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email