Protocollo nazionale di video allarme anti-rapina, Confesercenti sottoscrive a Verona il rinnovo con il Ministro dell’Interno Alfano

“In Italia 42mila rapine, in aumento colpi ai negozi. Furti e taccheggi costano 3,5 miliardi l’anno. La desertificazione rende le strade meno sicure: nel 2013 saranno 550mila i negozi sfitti in Italia”.

“Riteniamo che il protocollo nazionale di video allarme antirapina sia di importanza strategica per la tenuta delle imprese commerciali sul mercato: le rapine, dopo un biennio di calo, sono tornate a crescere con le difficoltà economiche. Secondo le stime di Sos-Impresa Confesercenti, i reati contro il patrimonio sono aumentati del 15% durante la crisi e il numero complessivo di rapine si attesta sulle 42mila l’anno. Sono sempre più numerosi soprattutto i colpi diretti alle attività commerciali, a cui si aggiungono taccheggi e furti, piaga da 3,5 miliardi l’anno”.

Così il Segretario Generale di Confesercenti, Mauro Bussoni, commenta il rinnovo del protocollo sula videosorveglianza, siglato oggi a Verona, presso la prefettura, tra le associazioni di commercio e artigianato e il Ministero dell’interno, alla presenza del Ministro Angelino Alfano.

“La crescita di furti e rapine è senz’altro influenzata dalla recessione economica e dai tagli ai trasferimenti alle forze dell’ordine. Ma pesa anche la desertificazione delle nostre città: i nostri soci ci segnalano un’impennata dei piccoli furti e un aumento generale della micro-criminalità soprattutto nelle vie commerciali dove la crisi ha ridotto il numero di negozi di vicinato e ha lasciato file di serrande abbassate. Che sono sempre di più: secondo le stime Confesercenti a fine 2013 saranno oltre 550mila i locali sfitti in tutta Italia. E le nostre vie, svuotate della presenza di attività commerciali e del via vai dei clienti, sono sempre meno sicure per i cittadini e per gli imprenditori rimasti”.

“I sistemi di sicurezza – conclude Bussoni – rappresentano il deterrente più efficace contro furti e rapine, soprattutto nei confronti di bande di non professionisti. Per mettere in sicurezza il commercio, però, occorre procedere anche nella riduzione del contante a favore della moneta elettronica. E’ innegabile infatti che il contante moltiplichi le possibilità di furti, rapine e borseggi: ma per aumentare la diffusione di pagamenti elettronici servono misure di agevolazioni, non limiti all’utilizzo di contanti che danneggerebbero solo i consumi, già molto bassi”.

Di seguito, gallery fotografica del rinnovo del protocollo.

foto1 foto2 foto4

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email