Rete Imprese Italia reagisce all’approssimarsi dell’aumento di 1 punto di IVA

Il governo non sembra essere in grado di evitare l’aumento dal 21 al 22% dell’aliquota IVA, aumento destinato a generare un maggior gettito fiscale di 1 miliardo già nell’anno in corso e di 4 miliardi a regime.

“E’ una soluzione che può rivelarsi estremamente dannosa per i consumi”. Queste le parole di allarme del Presidente di Rete Imprese Italia, Ivan Malavasi.

“Dal 2008 il potere di acquisto delle famiglie è calato del 9,7%  – prosegue Malavasi –  e non mostra alcuna inversione di tendenza. Anzi, nel 2013 i consumi stanno continuando a diminuire del 2,4%: un ritmo superiore al calo del PIL. ”

“Di questo passo – conclude Malavasi – condanniamo il Paese a perdere il contatto con le altre economie europee. In Italia la somma della tassazione diretta e indiretta sui redditi non è compatibile con gli obiettivi di ripresa della domanda interna. L’aumento dell’aliquota IVA deve essere scongiurato attraverso la riduzione della spesa pubblica per restituire risorse e fiducia a cittadini e imprese.”

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email