Anva Confesercenti su dichiarazioni presidente Anci: “non accettabile ipotesi di una proroga indifferenziata e non motivata”.

Governo, Regioni, Anci e la nostra Associazione hanno definito un importante accordo nel luglio 2012 che rispetta la Direttiva e garantisce continuità di diritti agli attuali concessionari. 

Anva Confesercenti su dichiarazioni presidente Anci: “non accettabile ipotesi di una proroga indifferenziata e non motivata”.“Vorrei ricordare al presidente Anci che l’intesa è stata sottoscritta dal suo  predecessore, qualora ci siano oggettive ragioni tecniche si può ipotizzare uno slittamento della data prevista per la definizione dei bandi, ma non è accettabile l’ipotesi di una proroga indifferenziata e non motivata”.

Così il presidente Anva, Maurizio Innocenti commenta le dichiarazioni del presidente dell’Anci Antonio Decaro che oggi ha chiesto “flessibilità sulla scadenza delle 200 mila concessioni per i cosiddetti servizi del mercato interno, in vista della messa a gara prevista dalla direttiva Bolkestein entro la metà del 2017”.

“Governo, Regioni, Anci e la nostra Associazione hanno definito un importante accordo nel luglio 2012 – dice Innocenti. Accordo che rispetta la Direttiva e garantisce continuità di diritti agli attuali concessionari. Forse proprio dietro il volere la non applicazione dell’intesa si nascondono e si proteggono gli interessi di coloro che controllano molte concessioni e non sempre perfettamente regolari. Non vorrei che, ancora una volta, a pagare dell’inefficienza del sistema fosse la categoria”.

“Gli anni di gestazione  della Bolkestein – conclude Innocenti – hanno ingessato e dequalificato il settore. Nell’incertezza di quello che sarà le imprese sono deprezzate, nessuno investe. Tutti sono in attesa di avere certezze per il futuro. La cosa che non possiamo permetterci è perpetuare questa condizione che porterebbe il comparto alla totale marginalizzazione”.

Leggi qui le Altre notizie —>https://www.confesercenti.it/blog/archivi/altre-news/

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email